Menu Home

Donne, lavoro e cura: il punto di vista di Alessandra

A cura di Alessandra Gallo

Immagine a cura di Garra Kat

Immagine a cura di Garra Kat

Il tema della conciliazione è complesso perché parte innanzitutto dalla conciliazione del tempo di “lavoro di cura” con il tempo di “lavoro extradomestico”. Ma credo che prioritariamente sia una conciliazione tra la gestione del tempo tra donna e uomo. Se questa avviene, tutto il resto vien di conseguenza (e questo è il bello, secondo me).

Pensate che in letteratura psicologica, alcuni parlano del lavoro di cura come di “non lavoro”. Esattamente come si fa per lo stage, come se un giovane facendo lo stage, siccome la legge Treu, che lo istituì, non prevede obbligatoriamente una retribuzione, non lavori.

Bisognerebbe partire dal proprio microcosmo, da noi stesse, dalla relazione con il proprio partner.

La conciliazione con il tempo di lavoro ha poi a che fare con i servizi di cura per figli e genitori anziani. E poi chi decide di abbandonare il lavoro a favore della famiglia, sa che con molta probabilità ritornare a lavorare sarà difficile: età, obsolescenza delle competenze, bisogno di riqualificazione, sono elementi che concorrono a cristallizzare la decisione di non rientrare più.

Il decreto sul lavoro (d.lgs 76/2013 di giugno) non parla di occupazione femminile. Sicuramente i giovani costituiscono un target importante su cui varare azioni utili, ma le donne non scherzano. Numericamente molto presenti, portano avanti un’economia informale che se non ci fosse sarebbero guai! Mentre gli uomini sono espulsi dal mercato del lavoro e vanno in crisi (non tutti ovviamente), le donne, costrette all’esclusione dal mercato del lavoro da sempre, portano avanti figli, marito e genitori anziani, se necessario.

Non si tratta “solo” di conciliazione” ma anche e soprattutto di RICONOSCIMENTO istituzionale e giuridico del ruolo delle donne nella società. Riconoscere per poi agire. Altrimenti le azioni sfumano nel nulla.

Se  vuoi contribuire (anche in forma anonima) alla rubrica “tentativi di conciliazione“: clicca qui

Annunci

Categorie:Tentativi di conciliazione

Tagged as:

Redazione Conciliazione Plurale

Fanno parte della redazione di Conciliazione plurale: Daniela Gatti, Anna Omodei e Laura Papetti.

https://conciliazionefamiglialavoro.wordpress.com/

1 reply

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: